Vai ai contenuti

medici, estetiste, nutrizionisti …dei professionisti ci spiegano come prenderci cura della nostra salute e bellezza degli occhi.

Dr. Yaël Berdah, un chirurgo estetico consiglia la rimozione del trucco agli occhi con struccante bifasico, che è molto efficace, ma se si dimentica di rimuovere la pellicola grassa con lozione a lungo andare, crea depositi di grasso sotto la pelle.

Dobbiamo considerare la palpebra come un arto inferiore. Quando le gambe si gonfiano, cosa facciamo? Si raffreddano, si applica una crema tonica che facilita il ritorno venoso . Idem per le palpebre gonfie.Un tampone freddo viene applicato per stringere la pelle, produce un’azione drenante, e si tiene la testa leggermente elevata, soprattutto se uno ha un importante incontro il giorno successivo.

Miky, trucco palpebre Lancôme dice che se gli occhi sono molto asciutti, il correttore tende a strisciare sotto le cellule morte, il che è molto brutto. La soluzione: dopo la cura, follow-up con un sottile strato di Homeoplasmine applicata toccando, che sarà come uno schermo.

Dr. Catherine Melloul, medico estetico, dice che le donne non osano applicare prodotti molto attivi sulle palpebre, sulla base del fatto che la pelle è fragile. Ma è proprio con l’ aggressione che i medici ottengono i migliori risultati su rughe! Ai pazienti che non hanno problemi di irritazione o allergia consiglia una speciale applicazione quotidiana di una crema con acidi di frutta dosata al 5% , o anche una preparazione di acido retinoico 0,05%. Se pizzica troppo, ogni altro giorno o ogni tre giorni.

Non c’è niente di più traumatico per l’occhio, che fare la ceretta alle sopracciglie dato che sono tese, riscaldate, e si deteriorano. Solo le pinzette sono tollerate.

Joëlle Ciocco, epidermiologa dice di ricordare di indossare gli occhiali se ne avete bisogno. Non c’è niente di peggio che affaticare gli occhi e creare le rughe prima del tempo .

La complicanza più comune della blefaroplastica è la rimozione del grasso . L’obiettivo è occhi che hanno un aspetto giovanile, non tirato e cavo.

Se si seleziona un chirurgo plastico esperto che avrà un anestesista vicino durante l’intervento chirurgico, e la procedura viene eseguita in una struttura accreditata, si riduce notevolmente la possibilità di complicanze.

L’effetto collaterale spesso che si ha con la chirurgia delle palpebre è la rimozione aggressiva di eccesso di pelle e grasso che lascia una cavità sotto gli occhi o sotto le sopracciglia. L’effetto di questo tipo di chirurgia può essere un invecchiamento e sguardo innaturale. Cercare un chirurgo plastico che possa condividere le immagini e esperienze di molti pazienti prima e dopo la chirurgia delle palpebre che ha eseguito con risultati dall’aspetto naturale. Spesso si usa infatti l’innesto di grasso strutturale per spianare la zona degli occhi e compilare cavità durante una operazione di blefaroplastica.

La formazione chirurgica deve essere effettuata presso delle prestigiose università mediche. Il numero minimo di anni di formazione chirurgica per i chirurghi plastici è di 5 anni in Chirurgia Plastica Ricostruttiva, dopo aver conseguito una Laurea in Medicina e Chirurgia . Alcuni medici hanno fino a dieci anni di formazione chirurgica formale. Semplicemente non c’è sostituto per la formazione chirurgica accademica e pratica.
I chirurghi molto esperti con tecnica chirurgica meticolosa e risultati dall’aspetto naturale avranno la prova del loro lavoro. I pazienti devono essere in grado di vedere molte foto della chirurgia di interesse, prese da tre diversi punti di vista, tutte con illuminazione simile, la distanza dalla fotocamera e il ritaglio giusto.

L’esperienza d’elite si estende oltre il chirurgo anche alla struttura, e al team chirurgico. Si dovrebbe essere in grado di vedere la sala operatoria e sapere chi altro sarà in sala operatoria con voi durante l’intervento chirurgico.

Fatto questo si può scegliere il migliore chirurgo che possa eseguire la blefaroplastica.

La chirurgia plastica è la branca della chirurgia che si specializza nella riparazione e ricostruzione del tessuto mancante o danneggiato e pelle, di solito a causa di un intervento chirurgico, malattia, infortunio o una anomalia presente dalla nascita.

Lo scopo principale della chirurgia plastica è di ripristinare la funzione dei tessuti e la pelle per il più vicino possibile alla norma. Migliorare l’aspetto delle parti del corpo è un importante, ma secondario, obiettivo.

La chirurgia plastica è diverso da interventi di chirurgia estetica, che è un intervento chirurgico effettuato esclusivamente a modificare l’aspetto di una persona sana per ottenere ciò che sentono è uno sguardo più desiderabile. Ci sono pagine separate su interventi di chirurgia estetica.
Quando si utilizza la chirurgia plastica

La chirurgia plastica può essere utilizzata per la riparazione:

anomalie che sono esistite fin dalla nascita, come ad esempio una labio-palatoschisi,  dita palmate e voglie
aree danneggiate dalla rimozione di tessuto canceroso, come dal viso o al seno
ustioni estese o altre lesioni gravi, come quelli subiti durante gli incidenti stradali

La chirurgia plastica può anche aiutare una persona a recuperare l’ autostima e la fiducia dopo l’intervento.

Per saperne di più sul perché viene utilizzata la chirurgia plastica.
Disponibilità di chirurgia plastica

La chirurgia plastica è eseguita da chirurghi plastici con una formazione che appartengono ad associazioni professionali, come la British Association of Plastic Surgeons Ricostruttiva ed Estetica (BAPRAS).

La maggior parte delle persone si riferiscono a chirurghi plastici NHS dal loro medico di famiglia o un consulente specializzato che vedono circa la loro condizione.

La chirurgia plastica è disponibile anche in privato, ma può essere molto costoso. E ‘ancora una buona idea di parlare con il medico di famiglia o uno specialista prima se si sta valutando il trattamento privato, anche se un rinvio non è necessaria.
tecniche di chirurgia plastica

La chirurgia plastica utilizza una vasta gamma di tecniche ricostruttive, ma i principali sono:

trapianti di pelle – dove le parti di pelle sana da una zona inalterata del corpo vengono rimossi e utilizzati per sostituire la pelle perso o danneggiato
chirurgia lembo cutaneo -dove un pezzo di tessuto da una parte del corpo viene trasferito ad un altro, insieme con i vasi sanguigni che mantengono in vita; si chiama chirurgia lembo perché il tessuto sano solito rimane parzialmente attaccato al corpo mentre è riposizionato
l’espansione del tessuto – tessuto circostante è allungato per permettere al corpo di “crescere” pelle extra, che possono poi essere utilizzati per aiutare a ricostruire vicinanze

Oltre a queste tecniche principali, i chirurghi plastici utilizzare una vasta gamma di altri metodi, come trasferimento di grasso e gli innesti (in cui il grasso viene rimosso da una zona e inserito in un’altra zona, di solito per correggere irregolarità), chiusura vuoto (in caso di applicazione di aspirazione per una ferita attraverso un pezzo di schiuma sterile per estrarre liquidi e favorire la guarigione), camuffamento make-up o crema, e dispositivi protesici, come le arti artificiali.

I sogni diventano ora realtà

Può succedere che un dettaglio dell’aspetto estetico del proprio corpo non soddisfi pienamente il gusto personale e, spesso, questo può essere motivo di forte disagio e sofferenza. Al giorno d’oggi non è più così complicato o impensabile decidere di ricorrere alla chirurgia estetica per correggere o migliorare quei dettagli della propria persona, che non si riescono ad accettare. Il naso è una parte fondamentale del viso di un individuo; quando non è come si desidera può modificare la percezione estetica dell’intero volto. In questo caso, senza troppi indugi, si può ricorrere alla rinoplastica.

La rinoplastica è un trattamento che permette di ottenere o riottenere proporzionalità tra tutti gli elementi del viso, modellando la cartilagine e la parte ossea del naso. Il procedimento è abbastanza complesso, poichè necessita di una profonda valutazione dei diversi fattori che compongono il volto della persona interessata. Inoltre, un intervento come quello della rinoplastica può essere effettuato solo ed esclusivamente su un naso che non ha subito precedentemente nessuna operazione. Oggi questo tipo di intervento non viene più effettuato tramite un’invasiva e fastidiosa anestesia totale; infatti, si è scoperto che tramite l’utilizzo di una sedazione profonda accompagnata da un’anestesia locale, i benefici risultano essere gli stessi. Le tempistiche della durata di una rinoplastica non sono eccessive, poichè comprendono un intervallo di tempo che va da mezzora ad un massimo di un’ora e mezza.

Esistono due metodi differenti attraverso i quali può essere effettuata questo tipo di operazione. Il medico che prende in cura un determinato paziente, dovrà decidere quale dei due scegliere, in base al caso specifico. Si parla di rinoplastica aperta nel momento in cui è necessario andare ad incidere esternamente ed internamente la pelle del naso, al fine di modificarla in base ai desideri ed alle necessità del cliente. Questa tecnica è leggermente più invasiva, poichè lascia una piccola cicatrice superficiale; essa, in ogni caso, non è particolarmente visibile. Questo metodo permette al chirurgo di avere una visuale più completa e chiara della zona su cui sta lavorando. Quando il modellamento della forma del naso avviene tramite le narici stesse, il rischio che rimangano dei segni visibili in superficie è praticamente pari a zero. Incidendo le mucose, infatti, in chirurgo può facilmente arrivare alla cartilagine o alla porzione di osso che si desidera modellare. Al termine di questo processo di spostamento di elementi interni al naso, il chirurgo potrà facilmente riposizionare esternamente la pelle del naso. Questo metodo viene chiamato rinoplastica chiusa. Esso, tuttavia, richiede una maggiore preparazione e conoscenza da parte del chirurgo, nonchè una lunga esperienza che si può acquisire solo attraverso anni di lavoro.

L’ evoluzione estetica della Kardashian è così evidenti nel corso degli anni. Aveva detto in una intervista del 2010 con La vita notturna che non è del tutto contro la chirurgia plastica. In altre parole, lei la approva e le voci di chirurgia plastica riguardo Kim Kardashian possono essere vere, dopo tutto.

Ci sono alcune cose sulla lista di chirurgia plastica della Kardashian a cominciare dal viso. A quanto pare la lista di chirurgia plastica della Kardashian comprende filler facciali, lavori del naso. Lei sembra aver avuto un intervento chirurgico sulla punta del naso relativamente sottile e finiture forse della cartilagine. Sembra abbia anche fatto delle  iniezioni di Botox sulla fronte e sembra aver subito diversi trattamenti cosmetici per dare volume alle guance e labbra.

Si procede con il suo seno e giro vita. Alcuni interventi chirurgici sono stati programmati lo stesso giorno in cui ha dato alla luce il suo bambino, che sono stati accoppiati con laser per eliminare le smagliature. Questi interventi comprendono una addominoplastica e liposuzione. Anche se lei stessa ha fatto una dieta  , e ha lavorato  un bel po ‘, il suo notevole cambiamento suggerisce che ci fosse qualche intervento di chirurgia plastica  pure. Alcuni rapporti dicono che non le piace parlare di chirurgia plastica perché il marito va fuori di testa.

Molti prestigiosi chirurghi plastici hanno confrontato le foto di Kim Kardashian prima e dopo e non c’è dubbio che è stata chirurgicamente migliorata. Dall’aumento di seno e glutei al lifting e rinoplastica, le speculazioni sono confermate . I suoi seni, per esempio, appaiono troppo rotondi per la sua figura sottile.

Forse è tempo che voi abbracciate il cambiamento e   esploriate le molte procedure cosmetiche che vengono offerte oggi per aumentare la vostra bellezza.

La chirurgia plastica è la branca della chirurgia che si specializza nella riparazione e ricostruzione del tessuto mancante o danneggiato e della pelle, di solito a causa di un intervento chirurgico, malattia, infortunio o una anomalia presente dalla nascita.

Lo scopo principale della chirurgia plastica è di ripristinare la funzione dei tessuti e la pelle  il più vicino possibile alla norma. Migliorare l’aspetto delle parti del corpo è un importante, ma secondario, obiettivo.

La chirurgia plastica è diversa dagli interventi di chirurgia estetica,  interventi   effettuati esclusivamente a modificare l’aspetto di una persona sana per ottenere ciò che vuole e uno sguardo più desiderabile.
Quando si utilizza la chirurgia plastica

La chirurgia plastica può essere utilizzata per la riparazione di

anomalie che sono esistite fin dalla nascita, come ad esempio una labio-palatoschisi, le dita palmate e voglie
aree danneggiate dalla rimozione di tessuto canceroso, come dal viso o al seno
ustioni estese o altre lesioni gravi, come quelli subite durante gli incidenti stradali

La chirurgia plastica può anche aiutare una persona a recuperare l’ autostima e la fiducia in sè dopo l’intervento.

La chirurgia plastica a fini ricostruttivi è eseguita da chirurghi plastici con una formazione adatta e che appartengono ad associazioni professionali specifiche.

La maggior parte delle persone si indirizza a chirurghi plastici indicati dal loro medico di famiglia o da un consulente specializzato che conosce la loro condizione.

La chirurgia plastica è disponibile anche  privata, e può essere molto costoso. E ‘ancora una buona idea  parlarne con il medico di famiglia o uno specialista prima se si sta valutando il trattamento privato, anche se un rinvio non è necessario.

La chirurgia estetica è una branca della medicina che si occupa di correggere e migliorare gli inestetismi estetici di una persona; per questi motivi, negli ultimi decenni ha preso sempre più piede nella società, e gli interventi sono aumentati esponenzialmente nelle donne, ma, cosa ancora più sorprendente, anche negli uomini che desiderano migliorare il proprio aspetto. Oltre al puro piacere estetico, questo tipo di chirurgia viene utilizzata anche per il ringiovanimento. Tuttavia non bisogna confonderla con la chirurgia plastica, quest’ultima categoria comprende la prima.
I vantaggi della chirurgia estetica sono molteplici sia sul piano prettamente fisico e fisiologico che pautostimasicologico: è vero infatti, che chi ricorre ad interventi di questo tipo, spesso sono indotti da un disaggio che portano dentro, scarsa e sicurezza in sè stessi che li porta a non riuscire più a convivere serenamente con il proprio corpo. Altre volte, gli interventi estetici sono so dovuti anche a dei veri e propri bisogni fisiologici, come ad esempio la rinosettoplastica che oltre a migliorare visibilmente l’aspetto del naso, ne migliora anche le capacità respiratorie. Tuttavia, il beneficio maggiore che si trae dalla chirurgia estetica, è psicologico, infatti come suggerisce il termine stesso, non è un tipo di medicina prettamente legata all’aspetto fisico della persona.
Cosa imprescindibile per la buona riuscita dell’intervento di chirurgia estetica, è quella di scegliere un buon chirurgo; ovviamente non possono essere tutti uguali, magari condividono scelte etiche e/o procedurali differenti, perciò è necessario fare un’accurata ricerca, prima di gettarsi tra le braccia del primo medico che si incontra. Per prima cosa nella valutazione della persona, è bene informarsi circa il suo curriculum accademico per vedere quali specializzazioni ha acquisito durante il suo percorso di formazione e quello professionale, ossia, valutare i corsi di formazione e aggiornamento a cui ha preso parte e dove ha lavorato in passato, collegandosi al sito internet “”www.chirurghiestetici.net”" o navigando semplicemente sul web. Altro fattore da tenere in considerazione, è il numero di interventi eseguiti e i risultati ottenuti da questi ultimi, visionando foto e documenti.
Prima di eseguire qualsiasi intervento di chirurgia estetica è bene sempre prendere un appuntamento nello studio del chirurgo in questione e parlare approfonditamente del problema che ritenete di dover correggere e cercare di capire se i principi etico-morali del chirurgo siano uguali ai vostri, assicurarsi inoltre che il medico non sia troppo accondiscendente e che non si mostri troppo favorevole a tutto quello che desiderate: chiaramente è un vostro diritto poter eseguire quello che volete sul vostro corpo, ma un affidato medico chirurgo dovrebbe porre dei limiti alle fantasie illimitate del paziente, conciliandole con le sue conoscenze mediche.
Negli ultimi anni, avendo preso moto piede, la chirurgia estetica non conosce oramai alcun limite: al viso, si eseguono interventi di correzione delle malformazioni, imperfezioni, difetti, rilassamento della pelle e trapianto dei capelli; al seno, vengono eseguiti interventi per correggere seni poco o troppo sviluppati, flacidi, cadenti, e asimmetrici; per quanto riguarda la zona del corpo, vengono eseguiti interventi di rimozione del tessuto adiposo in eccesso o per correggere la lassità della pelle.

La mastoplastica e la rinoplastica sono due operazioni chirurgiche molto comuni, quasi di routine, per la maggioranza dei chirurghi estetici.
Vediamo in cosa consistono: la mastoplastica è una operazione cui si rivolgono tutte quelle persone che hanno bisogno di modificare l’aspetto del proprio seno, indipendentemente dalla situazione di base.
La rinoplastica è un’operazione che serve per il rimodellamento della forma del proprio naso, sia per ragioni legate alle funzioni respiratorie che per ragioni estetiche.
Ambedue le risultanze dell’operazione chirurgica possono impattare in modo estremamente favorevole sulla psiche del/la paziente, che trovandosi ad avere un aspetto estetico più gradevole, potrebbe averne rafforzata l’autostima e la fiducia nel sé.
Ciò sarà tanto più rilevante quanto più, prima della operazione, il problema influenzava la vita sociale e di relazione della persona.
Le tecniche chirurgiche sono in continuo miglioramento, e l’obiettivo tende sempre al ridurre al minimo i disagi per il paziente, diminuendo le problematiche dell’operazione e accorciando i tempi di recupero, che possono incidere in maniera importante, in particolare se si ha una vita ricca di impegni, lavorativi e/o sociali.
In controtendenza abbiamo i costi delle operazioni: se un tempo sottoporsi ad interventi di chirurgia estetica era un lusso abbordabile solo dalle persone più agiate, oggi tutti possono accedere a questo tipo di interventi, in quanto ci sono diverse soluzioni finanziare studiate apposta per venire incontro alle esigenze dei pazienti, tra cui la rateizzazione dei costi.
Ecco dunque la mastoplastica e la rinoplastica alla portata di chiunque ne abbia bisogno, offrendo al paziente la concretezza di una operazione che migliorerà il rapporto con il proprio corpo.
La prima, la mastoplastica, viene in soccorso alla donna (o alla persona che si sente donna, pur essendo nata in un corpo maschile) per dare armonia al corpo, restituendo o creando quei volumi e quelle forme cui la persona aspira. La natura, lo scorrere del tempo, le gravidanze e gli sbalzi di peso possono infliggere al seno danni rilevanti: un seno cadente, flaccido, con i capezzoli che puntano verso il basso possono essere cagione di imbarazzo e persino inibire la vita sessuale della donna… Ecco perché un intervento al seno, atto a ridare allo stesso bellezza e giuste proporzioni, migliora sensibilmente la vita della paziente.
La rinoplastica si occupa del naso, sia dell’aspetto estetico che delle funzionalità respiratorie.
Ci sono fondamentalmente due tipi di operazioni, e saranno le necessità del paziente a determinare a quali ricorrere. La prima e la più frequente è la rinoplastica chiusa, è la meno invadente, serve a modificare la struttura dello scheletro con piccole incisioni all’interno del naso. La seconda è la rinoplastica aperta, ed è più impegnativa sia nei tempi di recupero che nell’operazione in sé. Questa prevede un’incisione dall’esterno del naso sulla columella, ovvero quella parte di cartilagine che sta tra le narici.
Pur occupandosi di due distretti del corpo così diversi tra loro, queste due operazioni, la mastoplastica e la rinoplastica, hanno in comune un forte impatto sull’estetica della persona, migliorandola.

Sono quei dettagli che fanno la differenza. Piccoli gesti, spesso inconsapevoli, che stanno alla base del fascino di una donna. Movenze particolari, abitudini esclusive, rituali personali che segnano un preciso stile femminile e catturano lo sguardo, l’attenzione – sovente anche il cuore – di chi li sta osservando.
Il modo in cui lei solleva all’improvviso i capelli e li raccoglie in uno chignon, mettendo in evidenza il candore delicato del suo collo, la sensualità con cui tiene in mano un calice di vino e lo sorseggia lentamente o quell’abitudine di passargli sempre una mano delicata fra i capelli, mentre lo sta baciando!

Quel tratto distintivo unico, inequivocabile, legato a un messaggio… rimanere nella mente di chi ti guarda per aver una connotazione ben precisa nella memoria di lui.
Ma gli anni passano, le brutte abitudini, il fumo, strizzare gli occhi, il sole: la fisionomia muta, i segnali dell’invecchiamento cutaneo si evidenziano anche sul volto e gli agenti esterni, con l’età, portano ad un invecchiamento e per ringiovanire sensibilmente il volto si deve ricorrere al lifting facciale, tecnica che oggi ottiene dei risultati importanti, se praticata da un professionista serio e competente.

“Il  lifting facciale ”– ci dice il Prof. Mario Dini di Firenze – “mira a correggere ed eliminare il rilassamento cutaneo e a ringiovanire viso e collo, ripristinando la fisionomia che il paziente aveva quando era più giovane. La cute viene riposizionata in modo naturale”.
Il lifting classico è quello facciale, che permette di riposizionare verso l’alto la cute del viso, del collo e l’angolo dell’occhio. La cute del viso viene tesa, il grasso che per effetto della gravità è caduto viene rimesso al suo posto, le fasce muscolari vengono tese e la cute del collo prima cascante ritorna tonica e tesa. La palpebra e il sopracciglio vengono alzati per ripristinare la loro posizione. L’occhio acquista luminosità e vigore. Le cicatrici vengono poste davanti all’orecchio (nelle pieghe) sotto la basetta e dietro l’orecchio. Le pieghe delle guance che cadono attorno alla bocca vengono spianate e le rughe distese. Spesso per migliorare il risultato è necessario riempire le labbra per togliere le “rughette” verticali attorno alla bocca.
Il risultato è un ringiovanimento di tutto il viso e l’espressione riprende il tono di almeno 20 anni prima! Le  cicatrici sono invisibili, perché nascoste dietro le orecchie o tra i capelli e il risultato dell’intervento sarà soddisfacente già dopo tre settimane, ma a una distanza di 6 mesi il paziente potrà dirsi più che soddisfatto, sentendosi di nuovo un giovincello, nello spirito e nel viso!

Spesso durante i notiziari sentiamo parlare di decessi di persone che hanno subito interventi di chirurgia plastica, alle volte anche durante gli interventi stessi. Con la crescente popolarità di iniezioni di grasso per i glutei negli Stati Uniti, molte di queste notizie si concentrano sui decessi che si verificano dopo questa procedura, o l’iniezione di altri materiali illeciti come il silicone. Solo il mese scorso una madre di 29 anni con due figli è morto sotto ai ferri durante un intervento di chirurgia ai glutei in una clinica a Miami. Sebbene il rischio di decesso nelle operazioni di chirurgia estetica sia sempre presente, nella maggior parte dei casi queste morti potrebbero essere state evitate. Questa ricerca dei glutei perfetti ha portato molti individui a cercare cliniche a basso costo che però non hanno le nozioni necessarie o le credenziali per eseguire questo tipo di operazioni. Nel caso sopracitato la clinica dove si era recata la donna ha dichiarato che i suoi dottori sono regolarmente iscritti all’albo.

Qui sta il pericolo per il paziente ignaro. Non è illegale per qualsiasi medico negli Stati Uniti affermare di essere un chirurgo plastico e qualunque medico può addirittura eseguire interventi di chirurgia plastica. Molti medici infatti sostengono di essere chirurghi plastici certificati. Tuttavia, solo un numero relativamente piccolo di medici possono dire di essere davvero chirurghi plastici certificati. Per potersi vantare di essere un chirurgo plastico certificato un medico deve aver completato un percorso di studi pluriennale accreditato in chirurgia plastica, superando rigorosi esami scritti e orali. I chirurgi plastici certificati sono inoltre ben informati sui diritti e sulle norme di sicurezza per i pazienti e hanno una loro etica. Questo non significa che sottoporsi ad un operazione con loro sia un intervento privo di rischi, potrebbero comunque esserci delle complicazioni. Certamente c’è il rischio di qualche complicazione con qualsiasi tipo di intervento chirurgico, non importa quanto grande o piccola sia la procedura. Tuttavia, grazie alla formazione a cui i chirurghi plastici sono sottoposti, sanno come ridurre al minimo i rischi prima di un intervento chirurgico, selezionando attentamente i loro pazienti e facendo in modo che siano candidati appropriati per la chirurgia. Inoltre, sono anche ben attrezzati per gestire eventuali complicazioni che possono insorgere dopo l’intervento chirurgico.

Troppo spesso, i pazienti sono attirati dalla promessa di procedure poco costose offerte da persone non qualificate. Il caso della donna di 29 anni a Miami, la quale morte è ancora oggi oggetto di indagine, mette nuovamente in cattiva luce un business ancora redditizio e pericoloso di chirurgia estetica, business che viene svolto in uffici e strutture che sono mal equipaggiate per gestire le emergenze, con medici non qualificati per eseguire le operazioni. Nonostante esistano molti controlli e molte norme, queste strutture continuano ad attirare pazienti provenienti da tutto il paese con pubblicità emotivamente accattivanti che sono caratterizzate da testimonianze di successo. Purtroppo, gli ignoranti e gli inconsapevoli sceglieranno ciò che è più conveniente.

Copyright